Restauro mobili antichi: credenza ‘800, oltre la lucidatura.

Restauro mobili antichi: credenza ‘800, oltre la lucidatura.

Tra i più bei mobili antichi si annoverano quelli dell’800.

Di solito nell’osservare i mobili antichi ci soffermiamo sulle dimensioni, colore, tipo di lucidatura, gli interni, trascurando la tipologia e qualità dei materiali oppure cosa ancora più difficile le tecniche di assemblaggio.
Parlando di mobili antichi la cosa non cambia di molto, infatti dopo un restauro oltre la lucidatura non si va, di fatto le persone non si preoccupano di constatare lo stato di salute strutturale del mobile o meglio non si chiedono cosa è avvenuto durante il restauro.

Le fasi di un restauro completo di mobili antichi sono tutte molto importanti.

La lucidatura durante un lavoro di restauro di un oggetto in legno è l’ultima fase, prima ce ne sono tante molto più importanti, ma poco considerate come il trattamento di igienizzazione, il trattamento antitarlo ed il risanamento strutturale.
Quest’ultimo a mio avviso è quello più importante, non perchè sono nato in una falegnameria ed ho visto nascere e costruire opere d’arte da tronchi di legno, ma un mobile antico altre ad essere bello deve comunque avere la sua funzionalità integrale.

Tra tutti i mobili antichi che ho restaurato, c’è da dire che questa credenza dell’800 è veramente bella

La credenza in legno di ciliegio dell’800 oggetto del mio intervento è di ottima fattura artigianale, ma la sua funzionalità era in parte limitata. Il precedente restauro ha puntato molto sull’aspetto esteriore e poco su quello igienico-funzionale.
Con un notevole sforzo ho eliminato i limiti e le deficienze di tipo strutturali che ne impedivano un pieno funzionamento, restituendo la piena ed originale efficienza.

Fasi tecniche del restauro:

  • Igienizzazione globale: utilizzando prodotti specifici;
  • Studio del mobile: per individuare le cause del degrado e le priorità dell’intervento;
  • Sverniciatura: svolta in due tempi, gel e a solvente;
  • Trattamento anti-tarlo: per imbibizione con effetto immediato e preventivo:
  • Risanamento strutturale: incollaggio degli elementi sconnessi ed integrazione dei mancanti;
  • Stuccatura: effettuata con prodotti naturali che si prestano meglio ai movimenti costanti del legno;
  • Verniciatura: con cere naturali, gommalacca ed alcool;

I lavori sono stati eseguiti a regola d’arte.
Si è tenuto conto delle linee e dei principi sanciti dalla Carta Nazionale del Restauro, come reversibilità e conservazione.

Restauro vetrinetta in legno ‘900

Restauro vetrinetta in legno ‘900

Un restauro che ha molto da raccontare

La storia di una vetrinetta in legno del ‘900 probabilmente non interesserà nessuno, ma in Bottega Cappiello sappiamo che ogni vecchio mobile ha una storia da raccontare e dobbiamo dare il giusto peso anche a questo vecchio pezzo che tante ne ha passate.
Spesso ai giorni nostri viene più facile ignorare le storie del passato e attraversare le cose come fantasmi, eterei, intangibili, quasi come per proteggere un nostro equilibrio psicofisico, ma se non avessimo questa sensibilità probabilmente niente più avrebbe senso e sono sicuro nessuno vorrebbe abbandonare l’idea romantica di prendere due graziose tazze di porcellana da una vetrinetta del ‘900, per versare una bevanda calda per due e sognare di storie passate o mai avvenute.

Un pezzo d’antiquariato

Anni addietro questo mobile sostava da solo in un negozietto d’antiquariato.
Sicuramente apparteneva ad una famiglia umile ma si notava che era stato amato profondamente e custodiva gelosamente, tra quelle poche assi di legno, dei segreti autentici, parole sussurrate, era duro come un whiskey e morbido di marmellate.
Da quando fu acquistato non riuscì mai ad essere utilizzato in pieno, in quanto erano presenti molti impedimenti strutturali.

C’è bisogno del tocco del maestro del legno

Arrivato in bottega l’intervento non sembrava affatto facile, andava restituita la solidità a questa vetrinetta e sopratutto una nuova veste.
Così ci mettemmo al lavoro.
Sbracciate le maniche, io e miei collaboratori, notammo da subito quanto avesse ancora da dire questa piccola vetrinetta.
Dopo l’intervento strutturale, una laccatura bianca ricopriva quella che pochi giorni prima sembrava un rottame.
Sinceramente non sapremo mai se siamo stati più bravi noi col nostro operato a restaurare un così bell’oggetto o se in fondo la vetrinetta conserva davvero un’anima romantica, che non vuole mollare, che ha bisogno ancora d’amore, di servire tazze da tè e custodire nuovi e vecchi segreti, per svelarli infine solo a chi sa veramente ascoltare.

I lavori sono stati eseguiti a regola d’arte.
Si è tenuto conto delle linee e dei principi sanciti dalla Carta Nazionale del Restauro, come reversibilità e conservazione.

Seguici sul nostro canale Facebook per non perdere nessuna offerta!

Visita la nostra pagina dei lavori per avere una visione completa del nostro operato!

Delicato incollaggio di Crocifisso in porcellana

Delicato incollaggio di Crocifisso in porcellana

Il restauro della porcellana è molto differente dal restauro del legno, ma sicuramente entrambi hanno almeno due cose fondamentali in comune: l’impiego della pazienza e una profonda passione.
Il crocifisso, interamente di porcellana e legno, arriva in bottega letteralmente scomposto in più pezzi, probabilmente dopo aver subito una caduta.
Sappiamo tutti quanto la porcellana sia fragile, ma la fragilità è il valore aggiunto di questo impasto di caolino e feldspato.
Proprio per il valore intrinseco dell’oggetto e il valore affettivo che il proprietario aveva maturato nel tempo, questo lavoro mi è stato affidato soltanto per la stima che nutrono per la mia professionalità.
Non è un lavoro che solitamente entra nella bottega Cappiello, in quanto il restauro della porcellana è raro e complicato, ma non potevo assolutamente disattenderli.

L’importanza dell’ingegno tra legno e porcellana

Il Crocifisso è scomposto in più parti.
Le parti in porcellana erano spezzate in più punti, quindi ho dovuto creare un ancoraggio al bacino del Cristo, nella parte posteriore per non avere difetti a vista.
Il Crocifisso in legno è stato incollato e riadattato per l’ancoraggio, così da fungere da sostegno, più che da croce.
Il Cristo poi è stato adagiato sulla base in legno e incollato e legato con del fil di ferro.
Le immagini del restauro completo le trovate in fondo all’articolo.

I lavori sono stati eseguiti a regola d’arte.
Si è tenuto conto delle linee e dei principi sanciti dalla Carta Nazionale del Restauro, come reversibilità e conservazione.

Seguici sul nostro canale Facebook per non perdere nessuna offerta!

Visita la nostra pagina dei lavori per avere una visione completa del nostro operato!

Portoncino 1960

Portoncino 1960

Restauro funzionale ed estetico di Portoncino con formicaio

Mi trovo nei pressi di una semplice ma bellissima casa colonica nella provincia di Benevento e sono pronto a risolvere l’enigma del portoncino col formicaio… ma andiamo per ordine.
L’immobile e spazioso e luminoso, quanto basta per farmi intravedere un gradevole portoncino in PVC ma che sembrava avesse sostituito uno ben più importante che vi era in precedenza.
Il proprietario conferma il mio colpo d’occhio in quanto mi ha chiamato proprio per risolvere questa situazione.
Stanco del suo malfunzionamento ma soprattutto della presenza costante di formiche, aveva deciso di smontare il portoncino in legno douglas degli anni 60 per sostituirlo con uno in PVC più funzionale e pulito.
Restava il fatto che erano molto affezionati al vecchio portoncino ed è per questo motivo che hanno chiesto il mio supporto tecnico.

I proprietari pensavano che fosse un lavoro troppo banale per una bottega di restauro, ma io non ero d’accordo e non mi sbagliavo neanche in quest’occasione, infatti come vedremo tra poco, questo portoncino conteneva al suo interno una grande e complicata sorpresa!

Carico allora il portone nel mio furgone e si parte spediti per una nuova avventura nella mia Bottega a Piedimonte Matese.

Le formiche in tre specie diverse avevano trovato un ottimo ricovero all’interno del portone costruendoci un grande formicaio di notevoli dimensioni. A dir il vero sia io che mio padre “mastro Gigino” non ci eravamo mai ritrovati al cospetto di una realtà di questa portata.
Dinanzi ad una sorpresa del genere partiamo subito con una igienizzazione radicale seguita da trattamento anti-tarlo.

La parte bassa dell ‘infisso era totalmente compromessa e già in passato un tentativo di restauro non aveva risolto la situazione. In realtà entrambe le fasce basse orizzontali, non erano più recuperabili insieme ai due pannelli posteriori.

L’intervento di falegnameria è stato più rognoso ed impegnativo rispetto alle fasi successive come la sverniciatura, stuccatura e verniciatura a smalto. Di solito smaltare il legno è una cosa che non gradisco, difficilmente faccio e raramente propongo, ma mai come in questo caso sono soddisfatto dell’eccezione, in quanto il portoncino nel pieno delle sue funzionalità si integra armonicamente con gli altri infissi e nell’insieme del casolare.

Fasi tecniche del restauro:

  • Allestimento del cantiere;
  • Montaggio portone provvisorio:
  • Igienizzazione radicale con prodotti specifici;
  • Trattamento anti-tarlo;
  • Sverniciatura: svolta in due tempi, gel e a solvente;
  • Intervento Strutturale: catalogazione e smontaggio dei pannelli, rifacimento di tutte le parti logorate nello specifico le due fasce basse e l’integrazione dello spipide;
  • Montaggio: tutti gli elementi risanati singolarmente sono stai ricollocati nelle loro sede original;
  • Stuccatura: effettuata con prodotti naturali che si prestano meglio ai movimenti costanti del legno;
  • Verniciatura: in sei cicli con impregnante specifico per legno;
  • Ripristino della ferramenta: tutti gli elementi in ferro scrostati, puliti e protetti;
  • Rimontaggio del portone.

I lavori sono stati eseguiti a regola d’arte.
Si è tenuto conto delle linee e dei principi sanciti dalla Carta Nazionale del Restauro, come reversibilità e conservazione.

Seguici sul nostro canale Facebook per non perdere nessuna offerta!

Visita la nostra pagina dei lavori per avere una visione completa del nostro operato!

Portone in castagno 1930 -Napoli-

Portone in castagno 1930 -Napoli-

Portone in castagno 1930 -Napoli-

Storia del restauro del Portone 1930 in castagno -Napoli-

“Uno tra i lavori di restauro più belli del 2018”

L’arte del restauro oggi mi porta davanti ad un portone situato sulla sommità di una gradinata di un palazzo signorile del ‘900, ci troviamo a Napoli.

Napoli è una città intagliata nell’arte, un’infinito di meandri cittadini, appassionati, che non smettono mai di raccontare tutta la loro storia attraverso le loro magnificenze.

Purtroppo mi accorgo sin da subito che il portone non era in un ottimo stato di salute, complici gli anni e una cattiva manutenzione.
Trovandomi in un grande condominio, decido di impostare questo lavoro di restauro a favore delle persone che vi abitano, allestendo cartelli e cantieri provvisori affinchè nessuno ne risentisse, nemmeno la mia sicurezza ed efficienza.

“Finalmente l’ora della pausa, una prelibata pizza al riparo dal sole, in un affascinante giardino appartenuto ad un conte”

Dopo aver smontato ogni parte del portone e dopo averlo caricato sul furgone, ho montato un portone provvisorio da cantiere decente, funzionale e sicuro, potendo così trasportare e lavorare il portone antico in laboratorio.

Costruito in castagno per tutta la parte esterna, in abete per la parte interna ed in duglasia per i soli montanti laterali del telaio.

Scopro,  durante  l’intervento strutturale, che il portone è stato realizzato nel 1931.

Una prima ed importante fase lavorativa è stata la sverniciatura che ha evidenziato le cause del degrado, le stesse che mi hanno costretto a smontare i grossi pannelli in abete posteriori al portone per poi procedere alla rimozione e relativo ripristino dei singoli pannelli del fronte realizzati in ottimo castagno.

Sia la zoccolatura, smontata e catalogata, che la grata in ferro, sono state riportate all’antico splendore, regalando un tocco antico e di robustezza unica a questo pregiato e robusto portone.

Per la finitura ho usato dell’impregnante specifico per legno con circa 6 applicazioni, somministrate in orizzontale per consentire un assorbimento migliore al legno.

Infine, tornato sul cantiere ho montato il portone appena restaurato nel suo antico telaio e sentire quel suono che fa “Tlac” dell’infisso che si appoggia nella sua guida, che si apre e si chiude, gentilmente come un secolo prima, è stata una bellissima sensazione.

“Sulla strada del ritorno l’odore del mare e la vista di questo spazio infinito rappresentavano al meglio il mio stato di soddisfazione”

Un lavoro sicuramente lungo e faticoso, che mi ha regalato grandi gioie.

Fasi tecniche del restauro:

  • Allestimento del cantiere mobile;
  • Montaggio portone provvisorio:
  • Sverniciatura: svolta in tre tempi, termica, gel e a solvente;
  • Intervento Strutturale: catalogazione e smontaggio della zoccolatura, pannelli piccoli in castagno e pannelli grossi del retro;
  • Risanamento strutturale: incollaggio degli elementi sconnessi ed integrazione dei mancanti;
  • Montaggio: tutti gli elementi risanati singolarmente sono stai ricollocati nelle loro sede original;
  • Stuccatura: effettuata con prodotti naturali che si prestano meglio ai movimenti costanti del legno;
  • Verniciatura: in sei cicli con impregnante specifico per legno;
  • Ripristino della ferramenta: tutti gli elementi in ferro scrostati, puliti e protetti;
  • Rimontaggio del portone.

I lavori sono stati eseguiti a regola d’arte.
Si è tenuto conto delle linee e dei principi sanciti dalla Carta Nazionale del Restauro, come reversibilità e conservazione.

Seguici sul nostro canale Facebook per non perdere nessuna offerta!

Visita la nostra pagina dei lavori per avere una visione completa del nostro operato!

Base per cero in pioppo ‘700

Base per cero in pioppo ‘700

Restauro conservativo base per cero del ‘700 in legno di pioppo

Storia del restauro della base per cero.

Tempo fa in bottega a Piedimonte Matese,  si presentò il nipote di un vecchio canonico con un manufatto ligneo antico che necessitava di un buon restauro.
A prima vista capii che era una basamento per cero, realizzato in pioppo e che aveva la base intagliata originariamente argentata ed ammannita,  ma la presenza costante di umidità gli aveva causato la perdita totale della finitura.
Una profonda crepa lo attraversava completamente dalla base, questo rendeva la mia opera di restauro una versa sfida.

“Si è trattato di un restauro molto affascinate, con un risultato eccellente”

La base per cero, accuratamente igienizzata e sverniciata, lasciava trapelare la sua vera e bella essenza lignea, con forti venature di pioppo.

“Questa base per cero aveva accompagnato 300 anni di liturgici canti,
non potevo lasciarla in preda ad insetti xilofagi,  animaletti scavatori che la divoravano dall’interno”

Subito dopo l’igienizzazione del manufatto, fu necessario un trattamento anti-tarlo per imbibizione con effetto camera a gas, con conseguente eliminazione dell’indesiderato ospite lasciando impregnato il legno per schermarlo dai tarli nel tempo.
Tra le fasi di restauro fu importante un intervento strutturale per recuperare la staticità e la funzionalità dell’oggetto.
Alcuni dei pezzi sconnessi furono rettificati affinchè tornassero fermi e stabili integrando quelli mancanti dove necessario.
La stuccatura per i punti necessari fu effettuata con prodotti naturali che si prestarono meglio ai movimenti costanti del legno aggiungendo valore al restauro.
Infine la leggera coloritura a scelta del cliente e la lucidatura con alcool e cere, conferirono la protezione e la lucentezza che l’antico manufatto necessitava.

Dopo questa fase l’oggetto si presentava come appena uscito dalla sua bottega originale di 300 anni prima, ma un’ultima lavorazione restava in sospeso, un consolidamento con cera anti-tarlo e pasta anti-tarlo, per andare in ausilio al trattamento fatto in precedenza e tenere lontano tutti gli insetti xilofagi.

“Finalmente questo magnifico porta cero era di nuovo energico e raggiante, pronto ad affrontare almeno altri 300 anni”

Fasi tecniche del restauro:

  • Igienizzazione:  con prodotti specifici che tengono conto dell’età dell’oggetto in legno;
  • Trattamento anti-tarlo: per imbibizione con effetto camera a gas, garantito per due anni;
  • Sverniciatura: svolta in due tempi, prima a gel e poi a solvente;
  • Risanamento strutturale: incollaggio degli elementi sconnessi (lignei e non) ed integrazione dei mancanti;
  • Coloritura: a base di mordente con aggiunta di fissativo;
  • Stuccatura: effettuata con prodotti naturali che si prestano meglio ai movimenti costanti del legno;
  • Lucidatura: con gommalacca, alcool e cere, rispettando le antiche tradizioni del restauro.
  • Consolidamento a cera: con prodotti realizzati esclusivamente dalla nostra azienda in ausilio al trattamento anti-tarlo.

I lavori sono stati eseguiti a regola d’arte.
Si è tenuto conto delle linee e dei principi sanciti dalla Carta Nazionale del Restauro, come reversibilità e conservazione.

Seguici sul nostro canale Facebook per non perdere nessuna offerta!

Visita la nostra pagina dei lavori per avere una visione completa del nostro operato!