Lavori

La carta del restauro

Il restauro di un manufatto ligneo ha inizio attraverso una fase critico-conoscitiva che ci consente di programmare una scaletta di interventi che costituiranno l’iter del ripristino.
Ogni restauro deve essere condotto a regola d’arte con documentazione fotografica che è un supporto imprescindibile per la memoria del pezzo ed il suo futuro.
Eseguiamo il consolidamento strutturale dei manufatti lignei antichi secondo le regole classiche del restauro.
Le linee guida del nostro lavoro sono tracciate dalla Carta Nazionale del Restauro del 1972 e successive integrazioni rivolte al recupero conservativo, strutturale ed estetico dell’oggetto per restituire la piena ed originale leggibilità.
Il restauro delle patine viene condotto con grande sensibilità e rispetto della situazione che ci si presenta e le integrazioni vengono realizzate con parsimonia e con quei materiali stessi che sono andati perduti. La lucidatura a spirito e le finiture a cera sono operazioni che realizziamo secondo antiche ricette e metodi tramandati da vecchie tradizioni.

Trattamenti anti-tarlo

Nel piano di intervento di restauro è previsto per ogni manufatto il trattamento antitarlo per imbibizione tipo camera a gas a effetto immediato o solo preventivo, e nei casi in cui necessita di trattamento di consolidamento.
Tali trattamenti sono garantiti due anni; la bottega si fa carico di ogni responsabilità se,nei due anni della consegna, si verificano problema o presenza di insetti xilofagi.
La realizzazione delle disinfezioni risultano molto efficaci e durature su ogni supporto ligneo e non si è mai verificata una infestazione recidiva dopo tale trattamento.

 

Lavori vecchi
Lavori vecchi
Coro in pioppo '700
Coro in pioppo ‘700
Base per cero ‘700
Porta candele ‘700
Portantina ‘700
Pulpito L’Aquila
Raggiera ‘800 in pioppo dorata.
Antico portone del 1931, Napoli.